Skin ADV
 
ASSOCIAZIONE
ATTIVITA' CULTURALI
SCUOLA DI GIAPPONESE
STUDIA IN GIAPPONE
LINGUA GIAPPONESE
Trascrizioni
Storia
Kanji
Origine dei Kana
Scrittura Attuale
FAQ lingua
TURISMO
LAVORO IN GIAPPONE

ARTI TRADIZIONALI
ARTI MODERNE
SOCIETA'
CUCINA
GLOSSARIO
PHOTOGALLERY
COLLABORATORI
ERIKO
TESSERA ASSOCIATIVA
LINK
CONTATTI
 
SITE MAP
 
 
 

La scrittura della lingua giapponese

La lingua giapponese attuale è scritta utilizzando tre diversi tipi di caratteri: un alfabeto ideografico (i kanji) e due alfabeti fonetici sillabici (gli hiragana e i katakana).

Nota: questo sito contiene caratteri giapponesi codificati secondo lo standard Unicode; per la sua lettura è quindi consigliabile utilizzare un browser che sia in grado di visualizzarli correttamente (vedi a questo proposito il paragrafo Trucchi in questo sito).

Trascrizione delle parole giapponesi

La lingua giapponese è scritta utilizzando un alfabeto completamente diverso dal nostro, in parte ideografico ed in parte fonetico; tuttavia la pronuncia della parole giapponesi può essere rappresentata anche per mezzo del nostro alfabeto latino, che i giapponesi chiamano romaji (cioè letteralmente "caratteri di Roma").

Esistono principalmente due metodi di traslitterazione della lingua giapponese in caratteri latini:

  • il metodo Hepburn (che prende il nome dal missionario americano che lo ha inventato nel XIX secolo) è il metodo più comunemente adottato nei paesi occidentali perché si basa su una pronuncia delle lettere latine a noi più familiare (in linea di massima secondo tale metodo le consonanti vengono pronunciate come in inglese e le vocali come in italiano);

  • il metodo kunreishiki romaji è il metodo ufficiale giapponese di traslitterazione ed è quello più usato dai giapponesi stessi; esso si basa su una corrispondenza biunivoca tra lettere occidentali e scrittura in kana ma è meno intuitivo (per un occidentale) dal punto di vista della resa dei suoni; ad esempio secondo tale metodo le sillabe te, ti e tu vengono lette rispettivamente te, chi e tsu (secondo la notazione Hepburn).

In questo sito i termini giapponesi sono trascritti utilizzando unicamente il metodo Hepburn, che viene descritto più dettagliatamente nel seguito:

Consonanti:

k ha il suono della "c" gutturale di "cane"
g ha il suono della "g" gutturale di "gatto" (anche quando è seguita da "e" o da "i")
s ha il suono della "s" aspra di "sotto"
z ha un suono intermedio tra la "z" dolce di "zona" e la "s" dolce di "rosa"
j ha il suono della "g" dolce di "gelo" (anche quando è seguita da "a", "o" o "u")
ts ha il suono della doppia "zz" di "pazzo" (o più propriamente il suono del gruppo "ts" nella parola inglese "cats")
ch ha il suono della "c" dolce di "cena"
n si pronuncia generalmente come la lettera "n" in italiano; si pronuncia però "m" quando è seguita da "m", "b" o "p"
h è sempre fortemente aspirata (come la "c" in dialetto toscano)
f è leggermente aspirata
y si pronuncia come la "i" semivocalica di "ieri"
r ha un suono intermedio tra la "r" e la "l"; in alcuni casi (ad esempio, nella sillaba "ri" in inizio di parola) si pronuncia decisamente "l"
w si pronuncia come la "u" di "uovo"

Le consonanti doppie si pronunciano come in italiano.

Vocali

Come si è detto le vocali vengono pronunciate come in italiano (solo la u ha una pronuncia intermedia tra la u italiana e la u francese di flute) ma sono più brevi (in generale il giapponese viene pronunciato più velocemente dell'italiano).

 

Autore: Mario Carpino