Skin ADV
 
ASSOCIAZIONE
ATTIVITA' CULTURALI
SCUOLA DI GIAPPONESE
Metodologia didattica
JLPT
Corso Intensivo Estivo
Trucchi per PC
On-line - Lesson 1
On-line - Lesson 2
On-line - Lesson 3
On-line - Lesson 4
On-line - Lesson 5
On-line - Lesson 6
On-line - Lesson 7
On-line - Lesson 8
On-line - Lesson 9
STUDIA IN GIAPPONE
LINGUA GIAPPONESE
TURISMO
LAVORO IN GIAPPONE

ARTI TRADIZIONALI
ARTI MODERNE
SOCIETA'
CUCINA
GLOSSARIO
PHOTOGALLERY
COLLABORATORI
TESSERA ASSOCIATIVA
LINK
CONTATTI
 
SITE MAP
 
 
 

Lezione 3 - La Pronuncia

Le vocali giapponesi sono esattamente come le pronuncereste in italiano:
A E I O U
Questo rende la pronuncia di questa lingua una cosa molto facile per noi italiani, molto piu’ dell’inglese o del francese!
Le vocali 'i' e 'u' sono deboli. Questo significa che molte volte non sono pronunciate; l’esempio piu’ noto e’:
desu (con la u silenziata, si pronuncia DESS)
Tuttavia, non potete evitare di pronunciare u e i a caso, nessuno capirebbe cosa dite!
I suoni consonantici sono generalmente pronunciati come in italiano, con alcune differenze:
R – Ha una pronuncia che sta a meta’ tra la 'L' e la 'R'. E’ abbastanza vicina alla R mestrina, o di qualche altra parlata locale veneta. Una specie di R senza rollata, o una L con un colpo secco.
F – Potete pronunciarla come la nostra F, ma molto spesso assomiglia di piu’ ad una 'H'.
Non c’è un accento in giapponese che vuol dire che non si dà un’enfasi ad una parte particolare della parola. L’italiano e lo spagnolo hanno gli accenti, invece il giapponese no.
Il giapponese ha delle modulazioni di tono che sostituiscono un accento, per esempio, in italiano, mettiamo l’accento su una parte particolare della parola per farla suonare bene e nel dizionario un simbolo come un apostrofo rappresenta quest’accento. In giapponese, non si mette un accento sulle parole, ma invece si cambia il tono della voce. In cinese, ci sono schemi per cambiare cinque toni diversi per distinguere il significato della parola, ma in giapponese ci sono solo due toni; esiste solo un modo per afferrare quando dovete alzare il tono della voce: ascoltare il giapponese e ripeterlo.
Per allenarvi in questo campo:
ascoltare musica giapponese
guardare anime sottotitolati (o in giapponese)
Ascoltare musica giapponese è veramente piacevole e vi aiuterà molto in campi diversi. Potete scaricare MP3 da un gran numero di siti, e comprare CD importati su altri siti. Se non conoscete musica giapponese, raccomandiamo le canzoni dei gruppi di cui trovate le recensioni nelle pagine di questo sito, nella sezione CULTURA/J-POP & ROCK. Molto spesso sara’ impossibile capire cosa dicono, specie per le canzoni piu’ hard rock; ma se scegliete il J-pop piu’ leggero e provate a cercare i testi in romaji su internet, sara’ piu’ facile seguirne le parole e magari impararle!
Forma piana vs. Forma di cortesia
Come in italiano, in giapponese ci sono diversi modi di parlare a seconda della situazione, per esempio con gli amici parlate diversamente da quando siete con il vostro capo. In giapponese, le parole e le coniugazioni diverse rappresentano i quattro livelli distinti di formalità nella lingua parlata e scritta.
Se avete guardato cartoni animati, forse avete notato che i nobili parlano diversamente dagli altri personaggi. Ci sono centinaia di esempi, compreso “Ayeka” di Tenchi Muyo.
La maggior parte dei corsi di giapponese insegna prima la forma di cortesia. Gli insegnanti pensano che possiate usare la forma di cortesia per tutte le occasioni (compreso con gli amici). La forma piana, invece, è soltanto accettabile con gli amici e i parenti.
La forma piana è molto più comune in canzoni, manga, anime e alla televisione e siccome questo sito mette al fuoco proprio la cultura pop, all’inizio insegneremo la forma piana. Ecco delle ragioni:
Anime e videogiochi tendono ad usare la forma piana e, a meno che non andiate in Giappone, è per quegli hobby che userete il giapponese. Anche se fate amicizia con dei giapponesi in Italia, vi parlano con la forma piana e sicuramente non si sentono offesi se fate lo stesso. Personalmente, ho parlato con adolescenti giapponesi che mi hanno detto che sembro strano perché parlo tanto formalmente (ho imparato prima la forma cortese quando studiavo giapponese e mi considero una persona cortese, ecco perché la uso).
Non c’è problema ad imparare più tardi la forma cortese, una volta che avete fatto progressi e imparato molto il giapponese (se fate i corsi di OCHACAFFE’ imparerete a parlare in maniera formale, per cui avrete una formazione completa!).
Per motivarvi, meglio che sentiate le cose che state imparando. L’apprendimento diventa più “reale” quando vi accorgete che potete capire un Anime se imparate una parola o una frase. È una fonte di motivazione sentire un personaggio dei cartoni che dice la frase che avete appena imparato. Se vi concentrate sulla forma di cortesia, non la sentirete spesso. Per mia esperienza, imparo le parole popolari dai cartoni 10 volte più velocemente delle parole più sconosciute. Inoltre, per ricordare una parola dopo 4 mesi, dovete usarla (o sentirla).
I giapponesi sono indulgenti con gli italiani che parlano la loro lingua e quando un giapponese incontra un italiano che parla giapponese, l’ultima cosa a cui pensa è “ma, che forma usa?” Di solito, sono contenti di incontrare qualcuno che studia il giapponese e se il vostro vocabolario comprende più di 10 parole, si complimenteranno spesso con voi. Le cose sono evolute dal periodo del Giappone feudale in cui se aveste parlato scortesemente a un Samurai, sareste morti.
Nel tempo presente, la forma piana dei verbi è la forma che appare nei dizionari che vuol dire che potete scegliere a caso una parola dal dizionario e usarla in una frase senza coniugazione.
Volete idee per cartoni, videogiochi, film, manga, o musica da ascoltare per praticare il giapponese? Basta che visitiate le pagine di questo sito dedicate alla cultura contemporanea, sara’ un viaggio memorabile!
PS: A fianco degli esempi di frasi e delle parole da imparare scritti in caratteri latini, indicheremo fin da subito la scrittura in giapponese. NON cominciate subito a cercare di copiarle o tradurle, a meno che non stiate anche seguendo uno dei nostri corsi in classe, fareste piu’ danno che bene! Se imparate a scrivere i segni nell’ordine o modo sbagliato, sara’ un problema poi rimettere tutto a posto. Quando arriveremo con le lezioni ad approfondire la scrittura, dalle lezioni 9 e 10, potrete tornare indietro e cercare di capire, e magari di ricopiarle sul vostro prezioso quaderno, di fianco a quelle scritte in alfabeto latino. Sara’ anche un’occasione per ripassare tutto!
Se, quando arrivate a queste lezioni con le frasi scritte in giapponese, compare una finestra (un pop up) che vi chiede se volete installare il Japanese Language Support per visualizzare i caratteri asiatici, fatelo, vi sara’ utile piu’ tardi!