Skin ADV
 
ASSOCIAZIONE
ATTIVITA' CULTURALI
SCUOLA DI GIAPPONESE
STUDIA IN GIAPPONE
LINGUA GIAPPONESE
TURISMO
LAVORO IN GIAPPONE

ARTI TRADIZIONALI
ARTI MODERNE
SOCIETA'
Office Ladies
Maid cafè
Calendario festività
Dialetti
Salute
Essere Ainu
Giapponesi e barbari
Leggi e campagne
Wajin e Nihonjin
La lingua Ainu
Le tradizioni orali
Cultura Ainu di oggi
Approcci diversi
Scrittori moderni
Appendice
CUCINA
GLOSSARIO
PHOTOGALLERY
COLLABORATORI
ERIKO
TESSERA ASSOCIATIVA
LINK
CONTATTI
 
SITE MAP
 
 
 

Honda Katsuichi e il problema Ainu nel giappone contemporaneo

Questa tesi avrebbe dovuto essere intitolata “Honda Katsuichi e la situazione degli Ainu nel Giappone contemporaneo”, ma si è preferito il termine “problema” a “situazione”. Il motivo è molto semplice: si tratta di un “problema” sia per chi appartiene a quest’etnia, sia per i Giapponesi.
La questione di fondo è che non esiste, nell’ideologia di stato giapponese, il concetto di minoranza etnica: gli Ainu sono quindi “interpretati” come una variazione culturale dello strato sociale principale.
Conseguentemente, sin dal 1868, è stata attuata una politica di assimilazione che ha avuto come scopo quello di cancellare completamente qualsiasi divario socio-culturale tra i due popoli.
In questa tesi si cercherà di illustrare, più o meno brevemente, le condizioni a cui sono stati sottoposti gli Ainu dalla maggioranza giapponese, e i risvolti che queste hanno avuto nella letteratura moderna e contemporanea; sia per quanto riguarda gli studi effettuati in materia, che per le opere di scrittori Ainu e Giapponesi.
Saranno analizzate tre opere fondamentali: “Ainu no Kenkyū” (アイヌの研究, 1925, “Studi sugli Ainu”) di Kindaichi Kyōsuke (金田一 京助), importante poiché primo autore di sangue giapponese ad interessarsi alla faccenda Ainu; “Ainu no Ishibumi” (アイヌの碑, 1980, “Monumento degli Ainu”) di Kayano Shigeru (萱野 茂), da tutti considerato il maggior esponente della cultura Ainu, di cui è stato anche il portavoce politico; ed infine, “Ainu Minzoku” (アイヌ民族 , 1993, “Popolo Ainu”), di Honda Katsuichi (本多 勝一), emblematico in quanto non soltanto è stato scritto da un giornalista non di sangue Ainu, ma è un romanzo “sperimentale” in quanto cerca di ricostruire una realtà etnografica.
Per i nomi degli autori (Giapponesi ed Ainu) si seguirà il modello giapponese: il cognome precede il nome.

Testo tratto dalla tesi di laurea di: Valentina Vignola.